fbpx
Crea sito

CARLO COLOMBO PIANO E VOCE

Carlo Colombo, che si esibisce con il solo ausilio del pianoforte e di un microfono, offre un intrattenimento/concerto che è tornato alla ribalta per eventi culturali ed intrattenimento per ascoltatori esigenti che richiedono atmosfere acustiche e senza tempo: negli anni ha sviluppato una tecnica pianistica jazz associata alla voce cantautorale esplorando i grandi classici del repertorio internazionale e della musica d’autore italiana: All of me, Fly me to the Moon, Autumn leaves, Volare, Guarda che luna, Via con me, Tu vuo’ fa’ l’americano e altre, oltre ovviamente alle proprie composizioni originali.

La figura del cantante-intrattenitore che si esibisce con il solo ausilio del pianoforte acustico e di un microfono è una cosa oggi piuttosto rara e preziosa. Con l’introduzione delle tastiere elettroniche dagli anni 80′ in poi questo tipo di musicista è praticamente scomparso.

Carlo Colombo al contrario non ha mai usato basi elettroniche per uno spettacolo live ma ha sempre accettato la sfida di esibirsi solamente al pianoforte ed alla voce viaggiando attraverso diversi stili musicali: swing, latin, pop.

Carlo Colombo con questo tipo ti intrattenimento si esibisce in eventi privati e prestigiosi alberghi veneziani (Cipriani, Danieli, Europa e Regina) e per tutti coloro che cercano un accompagnamento raffinato e confidenziale.

Il concerto può essere valorizzato dall’utilizzo del pianoforte acustico a coda che può essere noleggiato e fatto portare nel luogo prescelto. Questa scelta crea nel pubblico un fascino particolare.

Sito internet: www.carlocolombo.net


La parola all’artista:

“Lo swing è un genere musicale che trasversalmente riesce a colpire dai bambini agli anziani perché è una musica energica, acustica, non ha bisogno di amplificazione, di aiuti, di elettronica, per cui le vibrazioni che ne scaturiscono sono sempre delle vibrazioni positive.

Da bambino volevo fare il disegnatore, mi piaceva, sono passato alla musica perché con quest’ultima riuscivo ad avere una tridimensionalità e un’astrazione che con il disegno non riuscivo ad esprimere.

Il pianoforte è bello perché è uno strumento completo. Tu praticamente hai sotto le mani tutta l’orchestra. Il pianoforte è importante, è un po’ considerato il re degli strumenti per questo motivo…perché tu puoi imitare l’orchestra

La necessità di creare non è cambiata nel tempo, la molla è sempre la stessa, trovare dei lati umani o quantomeno romantici da raccontare a cose, persone o situazioni che gli altri non considerano.

Per le influenze musicali devo ringraziare soprattutto i miei due fratelli maggiori, ascoltavano gran bella musica: Rolling Stones, Bowie, Talking Heads, Cure, e tantissimi altri, poi ho capito che per comprendere bene la musica moderna bisognava andare alle origini, musica classica, blues e jazz, e lì ho ascoltato di tutto.

Da mio padre ho ereditato le canzoni anni 40-50 fino a Carosone e Buscaglione, da parte di mia madre il concerto per pianoforte e orchestra di Tcaikovsky ed il film Disney “Fantasia”

Scheda di presentazione

Scheda tecnica