fbpx
Crea sito

04/09/20 SWING ORCHESTRA CRUISE BURANO

vai all’evento Facebook

Crociera serale sulla laguna di Venezia con sosta e breve visita dell’isola di Burano, cena a buffet sul ponte, pista da ballo e swing live set, il tutto immerso in una piacevole atmosfera swingantemente retrò.

Live music set: Carlo Colombo 4et

Carlo Colombo: piano e voce
Giorgio Panagin: contrabbasso e cori
Renato Peppoloni: batteria e cori
Stefano Gajon: clarinetto, glockenspiel e cori

Dance school: Bounce – Swing Lovers

Dress code: Formal, Vintage

Check-in ore 19.30
Parcheggio gratuito: Via Trieste, 94 Portegrandi, Venezia 30020 Italy
Imbarco ore 20.00
Rientro ore 23.45

Lindy Hoppers and boogie dancers sono benvenuti

Food and beverage: Voilà Banqueting

Informazioni:
https://www.swingorchestracruise.com/
Luisa Trevisi 347/8217393 trevisi.luisa@gmail.com

———————————–

Evening cruise on the Venice lagoon with stop to visit Burano, buffet dinner on the bridge, concert by Carlo Colombo 4et, dance floor, all surrounded by a pleasant swingin’ atmosphere

Live music set: Carlo Colombo 4et

Carlo Colombo: piano e voice
Giorgio Panagin: doublebass and choir
Renato Peppoloni: drums and choir
Stefano Gajon: clarinet, glockenspiel and choir

Dance school: Bounce – Swing Lovers

Dress code: Formal, Vintage

Check-in 07.30 pm.
Free parking: Via Trieste, 94 Portegrandi, Venezia 30020 Italy
Boarding 08.00 pm
Return 11.45 pm

Lindy Hoppers and boogie dancers are welcome

Food and beverage: Voilà Banqueting

Info:
https://www.swingorchestracruise.com/
Luisa Trevisi 347/8217393 trevisi.luisa@gmail.com

 

10/07/20 SWING ORCHESTRA CRUISE

 

vai all’evento Facebook

Crociera serale sulla laguna di Venezia attraverso le isole di Torcello, Burano, Murano, poi costeggiando fino a Piazza San Marco, aperitivo sul ponte, cena a bordo, pista da ballo e swing orchestra live set, il tutto immerso in una piacevole atmosfera swingantemente retrò.

Live music set: Orchestra Carlo Colombo 6et

Carlo Colombo: piano e voce
Giorgio Panagin: contrabbasso e cori
Renato Peppoloni: batteria e cori
Stefano Gajon: clarinetto, glockenspiel e cori
Lorenza Bano: violino
Erica Scapin: violoncello

Dance school: THE CRAZY LEGS boogie group

Dress code: Formal, Vintage

Check-in ore 18.30
Parcheggio gratuito: Via Trieste, 94 Portegrandi, Venezia 30020 Italy
imbarco ore 19.00
rientro ore 23.45

Lindy Hoppers and boogie dancers sono benvenuti

Food and beverage: Voilà Banqueting

Informazioni:
https://www.swingorchestracruise.com/
Luisa Trevisi 347/8217393 trevisi.luisa@gmail.com

———————————–

Evening cruise on the Venice lagoon through the islands of Torcello, Burano, Murano, sailing up to Piazza San Marco, cocktail on the bridge, dinner on board, dance floor and swing orchestra live set , all surrounded by a pleasant swingin’ atmosphere.

Live music set: Orchestra Carlo Colombo 6et

Carlo Colombo: piano e voice
Giorgio Panagin: doublebass and choir
Renato Peppoloni: drums and choir
Stefano Gajon: clarinet, glockenspiel and choir
Lorenza Bano: violin
Erica Scapin: cello

Dance school: THE CRAZY LEGS boogie group

Dress code: Formal, Vintage

Check-in 06.30 pm.
Parking, Via Trieste, 94 Portegrandi, Venezia 30020 Italy
Boarding 07.00 pm
Return 11.45 pm

Lindy Hoppers and boogie dancers are welcome

Food and beverage: Voilà Banqueting

Info:
https://www.swingorchestracruise.com/
Luisa Trevisi 347/8217393 trevisi.luisa@gmail.com

 

29/05/20 SWING ORCHESTRA CRUISE BURANO

vai all’evento Facebook

Crociera serale sulla laguna di Venezia con sosta e breve visita dell’isola di Burano, cena a buffet sul ponte, pista da ballo e swing live set, il tutto immerso in una piacevole atmosfera swingantemente retrò.

Live music set: Carlo Colombo 4et

Carlo Colombo: piano e voce
Giorgio Panagin: contrabbasso e cori
Renato Peppoloni: batteria e cori
Stefano Gajon: clarinetto, glockenspiel e cori

Dance school: Bounce – Swing Lovers

Dress code: Formal, Vintage

Check-in ore 19.30
Parcheggio gratuito: Via Trieste, 94 Portegrandi, Venezia 30020 Italy
Imbarco ore 20.00
Rientro ore 23.45

Lindy Hoppers and boogie dancers sono benvenuti

Food and beverage: Voilà Banqueting

Informazioni:
https://www.swingorchestracruise.com/
Luisa Trevisi 347/8217393 trevisi.luisa@gmail.com

———————————–

Evening cruise on the Venice lagoon with stop to visit Burano, buffet dinner on the bridge, concert by Carlo Colombo 4et, dance floor, all surrounded by a pleasant swingin’ atmosphere

Live music set: Carlo Colombo 4et

Carlo Colombo: piano e voice
Giorgio Panagin: doublebass and choir
Renato Peppoloni: drums and choir
Stefano Gajon: clarinet, glockenspiel and choir

Dance school: Bounce – Swing Lovers

Dress code: Formal, Vintage

Check-in 07.30 pm.
Free parking: Via Trieste, 94 Portegrandi, Venezia 30020 Italy
Boarding 08.00 pm
Return 11.45 pm

Lindy Hoppers and boogie dancers are welcome

Food and beverage: Voilà Banqueting

Info:
https://www.swingorchestracruise.com/
Luisa Trevisi 347/8217393 trevisi.luisa@gmail.com

 

28/03/20 MATÁZ TEATRO | Sedico e Sospirolo (BL)

SABATO 28 MARZO 2020

Replica riservata agli studenti 

 

Monologo

Di: Marco Artusi e Evarossella Biolo
Con: Evarossella Biolo
Regia: Marco Artusi
Produzione: Matàz Teatro

Rita cresce a Partanna, valle del Belice, Sicilia, provincia di Trapani che negli anni 80 del secolo scorso significa essenzialmente una cosa: terra di mafia. Un luogo in cui lo stato semplicemente non riusciva a entrare, in cui la legge era fatta da delinquenti.
Fra cui il padre di Rita.

Ribellarsi a una situazione simile richiede delle motivazioni non comuni: deve cambiarti il mondo in cui vivi o il modo di vedere quel mondo. E soprattutto devi incontrare lungo questo percorso delle persone che ti aiutino, ti proteggano e mostrino altri mondi possibili, in cui i tuoi ide ali si possano realizzare.
Un giudice le offre protezione e la ascolta. Un giudice siciliano nato a Palermo con una storia alle spalle che lo rende, assieme all’amico Giovanni Falcone, l’immagine della lotta alla mafia in tutto il mondo: Paolo Borsellino.

L’umanità e l’onestà intellettuale di Borsellino sono l’ultimo tassello che le permette quel cambio di visione del mondo tale da arrivare ad affermare “dopo aver sconfitto la mafia che c’è dentro di te, puoi combattere la mafia, la mafia siamo noi e il nostro modo sbagliato di comportarci”.

Forse Rita è una piccola storia, ma con tutta evidenza, ci dimostra che la grande storia è formata dalle piccole storie come quelle di questa ragazza.

Temi: lotta alla mafia, legalità.

20/03/20 MATÁZ TEATRO | Favaro Veneto (VE)

VENERDÌ 20 MARZO 2020 ore 10:30

AUDITORIUM L. SBROGI – Via Gobbi 19 – Favaro Veneto (VE)

Replica riservata agli studenti di ISIS Fermi della Scuola secondaria di 1° grado Giuseppe Volpi di Favaro Veneto

 

Monologo

Di: Marco Artusi e Evarossella Biolo
Con: Evarossella Biolo
Regia: Marco Artusi
Produzione: Matàz Teatro

Rita cresce a Partanna, valle del Belice, Sicilia, provincia di Trapani che negli anni 80 del secolo scorso significa essenzialmente una cosa: terra di mafia. Un luogo in cui lo stato semplicemente non riusciva a entrare, in cui la legge era fatta da delinquenti.
Fra cui il padre di Rita.

Ribellarsi a una situazione simile richiede delle motivazioni non comuni: deve cambiarti il mondo in cui vivi o il modo di vedere quel mondo. E soprattutto devi incontrare lungo questo percorso delle persone che ti aiutino, ti proteggano e mostrino altri mondi possibili, in cui i tuoi ide ali si possano realizzare.
Un giudice le offre protezione e la ascolta. Un giudice siciliano nato a Palermo con una storia alle spalle che lo rende, assieme all’amico Giovanni Falcone, l’immagine della lotta alla mafia in tutto il mondo: Paolo Borsellino.

L’umanità e l’onestà intellettuale di Borsellino sono l’ultimo tassello che le permette quel cambio di visione del mondo tale da arrivare ad affermare “dopo aver sconfitto la mafia che c’è dentro di te, puoi combattere la mafia, la mafia siamo noi e il nostro modo sbagliato di comportarci”.

Forse Rita è una piccola storia, ma con tutta evidenza, ci dimostra che la grande storia è formata dalle piccole storie come quelle di questa ragazza.

Temi: lotta alla mafia, legalità.

13/03/20 MATÁZ TEATRO | Sossano (VI)

SIAMO NOI, DONNE

Cinema Teatro Aurora – Via Roma, 67 – Sossano (VI)

vai all’evento Facebook

LETTURA SPETTACOLO

Con: Evarossella Biolo e Carlo Colombo

Il mondo femminile e vario e variegato. Le milioni di sfumature che una personalità al femminile può prendere, al di là degli stereotipi, sono moltissime e, se guardate con ironia e con un pizzico di autocritica, diventano un arcobaleno di colori.

Questa lettura spettacolo vuole dare voce a questo universo di volti femminili, e alle loro vicende con le amiche, alle loro disavventure con gli uomini e a quei terribili e insostituibili momenti in cui da sole, davanti allo specchio, ci guardiamo piangere e ci viene da ridere… da ridere a crepapelle e ci vediamo nuovamente belle.

Lo sguardo con cui sono interpretati i personaggi in questa lettura spettacolo è ironico e pieno d’amore e i testi sono quelli comici e intelligenti di Lella Costa accostati ad alcuni frammenti di altre autrici quali Franca Rame e Franca Valeri. Tutte persone che hanno saputo rappresentare la donna in tutte le sue meravigliose sfumature.

Accompagnano la lettura spettacolo il pianoforte e la voce del musicista Carlo Colombo.

12/03/20 MATÁZ TEATRO | Treviso (TV)

UNO, NESSUNO E… CENTOCINQUANTA!

Davide Dolores

I.T.T. Giuseppe Mazzotti – Via Tronconi, 1 – Treviso (TV)

Replica riservata agli studenti

 

LEZIONE SPETTACOLO su Luigi Pirandello
a 150 anni dalla sua nascita
a cura di Davide Dolores
Produzione: Dedalofurioso Soc. Coop. e Matàz Teatro
Durata 60’

Il 28 giugno del 1867 nasceva a Girgenti (oggi Agrigento) Luigi Pirandello, uno dei più grandi scrittori e pensatori italiani, oltre che drammaturgo tra i più innovativi e rappresentati nel nostro paese.

A distanza di 150 anni dalla sua nascita, l’opera letteraria e drammaturgica di Luigi Pirandello offre ancora molteplici spunti di riflessione estremamente attuali da poter affrontare con i più giovani.

In questo modo si ha inoltre la possibilità di avvicinare i ragazzi alla letteratura italiana e al teatro.

Una lezione/spettacolo sul grande artista, corregionale dell’attore Davide Dolores, per far conoscere Pirandello ai ragazzi da un punto di vista non solo letterario ma anche umano, approfondendo dalla prospettiva “interna” di un conterraneo quei temi che vengono di norma trattati in classe.

Durante la presentazione della vita e delle opere di Pirandello, Davide Dolores recita brani tratti da alcune tra le più note opere dell’autore siciliano – romanzi, novelle e testi teatrali, come ad esempio Il fu Mattia Pascal, Uno, nessuno e centomila, La patente, Il berretto a sonagli, Sei personaggi in cerca d’autore e altri – utilizzando anche il dialetto siciliano per svelare quelle suggestioni e sfumature psicologiche tipiche della società siciliana dei primi del ‘900 e che tuttavia persistono ancora oggi in tutta la penisola italiana.

11/03/20 GIOVANNI BETTO | Sarmede (TV)

MERCOLEDÌ 11 MARZO 2020 ore 10:00

NEVE

Teatro Auditorium – Via Giuseppe Mazzini, 16A – Sarmede (TV)

Monologo di e con Giovanni Betto

regia Mirko Artuso

 

21 gennaio 1943. Ritirata di Russia. Neve. Tanta.

Nell’insensata tragicità della guerra, un uomo, poi dato per disperso, fa la sua scelta fra la vita e la morte.

Ma la sua scelta segnerà il destino di molti.

Quest’uomo in qualche maniera ritorna, come ombra portata dal vento del tempo. Ma l’eco di quella scelta primigenia ha nel frattempo travolto prima una moglie, poi una figlia, poi un nipote.

E il nipote, oggi, esige risposte.

Un monologo/dialogo che spoglia la guerra della sua storicità, per farne invece un paradigma della condizione umana, fragile e illusoria. Ma anche una voce alta, che tutti noi, in qualche modo nipoti, non vogliamo dimenticare. Una voce che grida l’attaccamento alla vita, istintivo, viscerale e che ci invita a gioire, ad amare e a inseguire il nostro essere di felicità. Per scioglierla la neve. Tutta.


Riconoscimenti:
– Festival di Teatro IN-BOX – Quarto posto
– Selezione Visionari Kilowatt Festival 2018

 

29/03/19

07/03/20 MATÁZ TEATRO | Zenson di Piave (TV)

SIAMO NOI, DONNE

Evarossella Biolo

c/o Auditorium Scuola Media – Vicolo degli Alpini – Zenson di Piave (TV)

vai all’evento Facebook

LETTURA SPETTACOLO

Con: Evarossella Biolo e Carlo Colombo

Il mondo femminile e vario e variegato. Le milioni di sfumature che una personalità al femminile può prendere, al di là degli stereotipi, sono moltissime e, se guardate con ironia e con un pizzico di autocritica, diventano un arcobaleno di colori.

Questa lettura spettacolo vuole dare voce a questo universo di volti femminili, e alle loro vicende con le amiche, alle loro disavventure con gli uomini e a quei terribili e insostituibili momenti in cui da sole, davanti allo specchio, ci guardiamo piangere e ci viene da ridere… da ridere a crepapelle e ci vediamo nuovamente belle.

Lo sguardo con cui sono interpretati i personaggi in questa lettura spettacolo è ironico e pieno d’amore e i testi sono quelli comici e intelligenti di Lella Costa accostati ad alcuni frammenti di altre autrici quali Franca Rame e Franca Valeri. Tutte persone che hanno saputo rappresentare la donna in tutte le sue meravigliose sfumature.

Accompagnano la lettura spettacolo il pianoforte e la voce del musicista Carlo Colombo.

12/02/20 ERICA BOSCHIERO | Treviso (TV)

MERCOLEDÌ 12 FEBBRAIO 2020 ore 11:00

Lezione/Concerto ESSERE UMANI

con Erica Boschiero

con il patrocinio di Università degli Studi di Padova, Tavola della Pace, Coordinamento nazionale enti locali per la pace e i diritti umani.

I.T.T. Giuseppe Mazzotti – Via Tronconi, 1 – Treviso (TV)  – Replica riservata agli studenti

 

Nel 2018 abbiamo celebrato i 70 anni della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (1948), nel 2019 celebriamo i 30 anni della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza (1989) e i 40 anni della Convenzione ONU contro la discriminazione nei confronti delle donne (1979). Ma quanto i ragazzi oggi sono a conoscenza dei diritti di cui sono essi stessi depositari, dei diritti umani e dell’infanzia?

Ricordare il passato, riflettere sul presente, immaginare il futuro, raccontare i diritti umani con le canzoni. La cantautrice Erica Boschiero, forte della sua decennale esperienza nel mondo della scuola, della musica e della sociologia, accompagna i ragazzi in un viaggio nel tempo e nello spazio per capire cosa sono, come si declinano e in cosa sono minacciati oggi i diritti umani.

Il tutto attraverso la musica, strumento privilegiato per parlare alle giovani generazioni, dialogare con loro, avvicinarsi al loro vissuto e alla loro percezione di ciò che li circonda. Le canzoni sono finestre, finestre attraverso cui osservare realtà lontane nel tempo e nello spazio (le canzoni scritte dai cantautori), finestre per esprimere la nostra interiorità, comunicare i nostri pensieri, lasciare una propria impronta nel mondo (canzoni scritte da noi).

Attraverso alcune sue canzoni e brani di grandi cantautori italiani ed internazionali Erica conduce gli studenti in un viaggio alla scoperta dei Diritti Umani, passando attraverso le loro drammatiche violazioni nel corso della storia, le lotte di rivendicazione, fino a giungere ad una riflessione sulla contemporaneità, sulle criticità di un mondo complesso e globalizzato dove i Diritti Umani sono rimessi pericolosamente in discussione e quanto mai a rischio.

I DIRITTI UMANI

I diritti umani sono diritti riconosciuti all’uomo semplicemente in base alla sua appartenenza al genere umano. Sebbene il concetto di diritti umani sia da secoli oggetto dell’analisi di filosofi e giuristi soltanto nel 1948, dopo la Seconda Guerra Mondiale, venne adottata dalle Nazioni Unite la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Dopo aver assistito allo sterminio del popolo ebraico e agli orrori della guerra, il 10 dicembre 1948 le nazioni approvarono e proclamarono questo strumento con lo scopo di salvaguardare i diritti fondamentali e la dignità di ciascun individuo senza distinzione «di razza, di colore, di sesso, di lingua, di religione, di opinione politica o di altro genere, di origine nazionale o sociale, di ricchezza, di nascita o di altra condizione» (art. 2)

LA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL’INFANZIA E DELL’ADOLESCENZA

La Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza (Convention on the Rigths of the Child) viene adottata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989 ed enuncia per la prima volta i diritti fondamentali che devono essere riconosciuti e garantiti a tutti i bambini e a tutte le bambine del mondo. La Convenzione è rapidamente divenuta il trattato in materia di diritti umani con il maggior numero di ratifiche da parte degli Stati. Ad oggi sono ben 196 gli Stati parti della Convenzione.

I principi fondamentali della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza sono la non discriminazione per sesso, razza, lingua, religione, opinione (del bambino o dei genitori), il superiore interesse del bambino in ogni iniziativa pubblica o privata, il diritto alla vita, alla sopravvivenza e allo sviluppo del bambino e l’ascolto delle opinioni del minore in tutti i processi decisionali che lo riguardano.

LA CONVENZIONE SULL’ELIMINAZIONE DELLA DISCRIMINAZIONE DELLA DONNA

La Convenzione ONU sull’eliminazione di ogni forma di discriminazione della donna (CEDAW) è una convenzione internazionale adottata nel 1979 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Trattato internazionale sui diritti delle donne, entrò in vigore il 3 settembre 1981. La Convenzione definisce la discriminazione contro le donne nei seguenti termini: “Ogni distinzione, esclusione o restrizione, sulla base del sesso, che ha l’effetto o lo scopo di compromettere o annullare il riconoscimento, il godimento o l’esercizio, da parte delle donne, a prescindere dal loro stato civile, su una base di parità tra uomini e donne, dei diritti umani e delle libertà fondamentali in campo politico, economico, sociale, culturale, civile o in qualsiasi altro campo, senza stereotipo di ruolo di genere.”

Essa stabilisce un programma di azione per porre fine alla discriminazione basata sul sesso: gli Stati che ratificano la Convenzione sono tenuti a sancire la parità di genere nella loro legislazione nazionale, ad abrogare tutte le disposizioni discriminatorie nelle loro leggi e ad emanare nuove disposizioni per premunirsi contro la discriminazione delle donne. Devono inoltre istituire tribunali e istituzioni pubbliche per garantire alle donne una protezione efficace contro la discriminazione e adottare misure per eliminare tutte le forme di discriminazione praticata nei confronti delle donne da parte di individui, organizzazioni e imprese.